Appunti GRUB rescue

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Quando c'è qualche modifica al disco o ai dischi del computer, può capitare che GRUB non si avvia più ed esce il propmt dei comandi di GRUB rescue.

Eecco alcuni utili comandi per provare a caricare manualmente il GRUB, se la partizione Linux esiste ancora.

Iniziamo con:

ls

restituisce l'elenco dei dischi. Da ricordare che il disco di avvio selezionato dal bios, sarà sempre il disco hd0 per GRUB.

Il GRUB elenca i dischi a partire da hd0, hd1, ... e le partizioni da msdos1, msdos2, ...

Possiamo anche scrivere:

ls (hd0,msdos1)

per vedere il contenuto della prima partizione del primo disco, se esso è partizionato in modalitò msdos (la maggior parte dei dischi lo sono) e se la partizione è in formattato linux (ovvero filesystem ext2/ext4). Si possono vedere proprio i file in essa contenuti. Esempio:

ls (hd0,msdos1)/boot/grub

per vedere i file di configurazione del GRUB.

Ipotizziamo che utilizzando il comando ls abbiamo trovato il disco e la partizione in cui è installao Linux e la cartella /boot. Facciamo finta che sia (hd0,msdos1).

Per tentare di fare boot proviamo:

set prefix=(hd0,msdos1)/boot/grub

set root=(hd0,msdos1)

insmod normal

normal

l'ultimo comando avvia il GRUB.

Da qui è possibile anche editare i parametri di boot premendo il tasto 'e'.